Scuola dei tarocchi

I Tarocchi dell’amore: un gioco (non solo) per l’estate

By  | 

I Tarocchi dell’amore: un gioco (non solo) per l’estate

Un sistema per metterci in sintonia con quello che l’Universo ha in serbo per noi e anche un invito a utilizzare le immagini degli Arcani Maggiori per scrutare i nostri sentimenti

di Anna Maria Morsucci e Joni Barnum

 

Che li si consideri un mero passatempo, piuttosto che un innocuo gioco divinatorio inventato dai gitani o, come è più probabile, un antico e accattivante strumento per conoscere e conoscersi una cosa è certa: chiunque entri in contatto con un mazzo di Tarocchi – ne esistono in commercio centinaia di versioni e non c’è che l’imbarazzo della scelta – non può rimanere indifferente.Per quanto ci riguarda, abituati come siamo a guardare ai Tarocchi con occhi gioiosi e sbarazzini, ma non per questo meno sensibili ai loro risvolti sapienziali, riteniamo che li si debba assimilare a degli specchi, a delle superfici riflettenti, sulle quali ciascuno di noi – in modo non sempre consapevole – proietta i suoi stati d’animo, le sue speranze, i suoi desideri, le sue angosce; in altri termini, ciò che la sua anima gli detta nel preciso istante in cui essa si confronta con una immagine che non gli è affatto estranea, in quanto parte integrante del meraviglioso e caleidoscopico “spettacolo del mondo”. Ragion per cui, chi è crudele e senza pietà, legge nelle concatenazione delle carte un carosello senza fine di dolori, sventure e crudeltà, mentre chi ama la vita e rispetta tutti gli esseri del creato, al cospetto dei Tarocchi, si sentirà come inondato da un sentimento di gratitudine per questo straordinario mezzo di auto-conoscenza e di crescita personale messoci a disposizione. Perché, dunque, non usarlo per capire la nostra situazione emotiva e sentimentale?

 

[Leggi l’articolo completo in edicola su Astrella n° 9 – Settembre 2014]

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: