Magia Naturale

Il vero significato del Capodanno

By  | 

Il Capodanno rappresenta l’inizio di un nuovo ciclo che comporta la distruzione di ciò che è vecchio e ha in sé il germe di qualcosa di nuovo e ancora sconosciuto.

di Maura Gancitano e Andrea Colamedici

 

A una settimana precisa dal Natale, ogni anno arriva puntuale la notte di San Silvestro. Molti non credono che sia davvero quella la fine dell’anno – in effetti è molto più naturale sentire la conclusione di un ciclo tra agosto e settembre, quando dalla prorompenza del Leone si passa alla precisione e alla meticolosità della Vergine, e di conseguenza ciascuno di noi riprende a lavorare, vara nuovi progetti, e i bimbi tornano a scuola – eppure ormai è usanza comune, almeno in Occidente, festeggiarla a pochi giorni dal solstizio d’inverno. Del resto, a determinare con precisione questa ricorrenza sono stati dei calcoli matematici: per anno, infatti, si intende il lasso di tempo che occorre a un pianeta del Sistema Solare per compiere un giro completo attorno al Sole. La rotazione completa della Terra dura 365 giorni e 6 ore, ed è usanza di gran parte della popolazione terrestre festeggiare a ogni giro di giostra. Fonti accreditate confermano che il nostro anno sia quello tecnicamente più festeggiabile: gli amici di Mercurio garantiscono che celebrare il capodanno ogni 88 giorni dia davvero poca soddisfazione – andò bene le frenetiche prime 600-700 volte, ma poi subentrò la noia – mentre i colleghi Plutoniani passano i 247 anni che li separano da un Capodanno all’altro con l’ansia di dover fare i conti con l’impensabile, dato che a ogni rivoluzione, per oscure ragioni, il pianeta distrugge e ricostruisce da capo tutto ciò che era stato edificato sul proprio mantello.

[L’articolo completo su Astrella n° 1 – Gennaio 2015 che ti aspetta in edicola!]

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: