Benessere

Meditazione Luglio – Fare amicizia con se stessi

By  | 

BENVENUTI NEL PERCORSO DI MEDITAZIONE E CONSAPEVOLEZZA DI ASTRELLA

LA MEDITAZIONE: FARE AMICIZIA CON NOI STESSI

di Raffaela Luminati – email: raffaela.luminati@gmail.com

Questo è il sesto incontro del percorso di consapevolezza di Astrella, ispirato dagli insegnamenti del maestro zen Thich Nhat Hanh

 

 

Un processo di consapevolezza armonioso prevede un procedere graduale. Portiamo la nostra mente a fare amicizia con il nostro corpo con l’aiuto del respiro. Troviamo il modo per assumere una posizione confortevole ed avere la colonna morbidamente allineata. Chiudiamo, o socchiudiamo, gli occhi e portiamo la nostra attenzione al respiro. Ripetiamo mentalmente ogni frase, e parola chiave, finché sentiamo che qualcosa dentro di noi è cambiato in meglio. Poi passiamo alla fase successiva.

IN: Inspirando so che sto inspirando. ES: Espirando so che sto espirando.
IN: Inspiro ES: Espiro.
IN: Inspirando sento tutto il mio corpo. ES: Espirando calmo tutto il mio corpo
IN: Corpo. ES: Calmo.
IN: Inspirando sento tutto il mio corpo. ES: Espirando sorrido a tutto il mio corpo.
IN: Corpo. Es: Sorrido.
IN: Inspirando dimoro nel momento presente. ES: Espirando so che è un momento meraviglioso.
IN: Momento presente. ES: Momento meraviglioso.
Esercizio per sentirsi più stabili e liberi. Camminando e respirando sono consapevole del momento presente, posso stimolare in me sensazioni di stabilità e libertà ripetendomi mentalmente: “Sono arrivato, sono a casa, nel qui e ora”.

FAR DURARE LA FELICITÀ
“Solo una vita nella quale vi sia sufficiente interazione con gli altri ci permette di raggiungere la felicità.” Dalai Lama

 

Coltivare la felicità vuol dire coltivare la fiducia e la qualità delle relazioni. L’amicizia profonda, lo stabilire legami saldi e liberi, vivi, intensi, e rispettosi, sono il bene più grande che ci sia e la vera fonte da cui attingere per arrivare a una felicità duratura nel tempo, che non può derivare da una gratificazione come l’acquisto di un vestito o dell’ultimo modello di cellulare. Spesso la riteniamo un optional ma in realtà la felicità è molto utile alla salute, nel senso più ampio del termine. Studi scientifici hanno dimostrato che il senso di benessere derivante da azioni volte a uno ‘scopo nobile’ può apportare benefici alla salute cellulare, mentre una ‘autogratificazione’ può addirittura avere effetti negativi.

VIVERE NEL PRESENTE
Tutto passa e noi dobbiamo vivere il presente. Per capire che cosa significa questa affermazione può essere utile la storia del contadino taoista al quale scappò via l’unico cavallo che aveva. Tutta la gente del paese lo compatì: “Che disgrazia!”, ma lui fiducioso pensò “Nella vita non si sa mai”. Dopo qualche tempo, svegliandosi, trovò nel recinto il suo cavallo insieme ad altri che lo avevano seguito. A quel punto la gente lo invidiò “Che fortuna!”. Un giorno l’unico figlio del contadino, per domare uno dei cavalli cadde e si ruppe una gamba. La gente lo compatì “Che disgrazia!”, ma lui continuò ad avere fiducia pensando “Nella vita non si sa mai”. Di lì a poco il re decise di fare una guerra e chiamò tutti i giovani del regno. Il figlio del contadino aveva una gamba rotta e lo lasciò a casa. La gente lo invidiò: “Che fortuna!”La storia potrebbe andare avanti così per sempre. Perciò dobbiamo imparare a godere della vita e ad accogliere ciò che viene senza lasciarci turbare dalle alterne vicende della sorte.

[L’articolo completo su Astrella n° 7 – Luglio 2015 che ti aspetta in edicola!]

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: