Crescita Personale

Quando soli è meglio

By  | 

Si può essere felici anche da single, quello che conta davvero non è stare in coppia, ma vivere in sintonia con se stessi e imparare ad apprezzare tutto ciò che abbiamo…

Per molti essere single è un vero ‘incubo’, quasi una malattia! Per altri, invece, essere liberi rappresenta uno stato di ‘beatitudine’. A volte si tratta di una scelta forzata, dettata dall’incapacità di trovare la persona più affine a noi, a volte si tratta di uno status consapevole, magari deciso in seguito alla rottura di una relazione importante.  Tutte queste possono essere cause più meno comuni, ma forse essere single non è poi così drammatico. Per quanto l’amore sia sempre uno dei pensieri costanti, in alcuni periodi della vita è consigliabile per non dire ‘salutare’ stare soli. Molte persone vivono nella continua ricerca di attenzione e autoaffermazione.  Per questo motivo il rischio di cadere, entrare e uscire da situazioni sentimentali sbagliate è dietro l’angolo. Il più delle volte si ha paura di rimanere da soli e di ‘contare’ qualcosa solo se al nostro fianco abbiamo una persona.  Niente di più sbagliato! Non si può cercare la nostra felicità nell’altro, ma è un processo che deve partire da noi stessi. Imparare a trovare fiducia in noi stessi, del nostro valore, avere un atteggiamento positivo nei confronti della vita può fare miracoli!

Crescita Interiore

L’errore più comune, specie subito dopo la conclusione di una storia, è sprofondare nell’autocommiserazione, nel sentirsi una nullità, nell’apatia totale. In genere però è l’insicurezza a giocare brutti scherzi! L’importante è non farsi prendere dall’ansia. Non piacersi abbastanza, avere poca autostima e non accettarsi sono trappole, che non portano a nulla. Trovare la forza di rialzarsi, di ricominciare a sorridere è il primo passo per riuscire a star bene. Rimanere per molto tempo soli implica una crescita, un grande, faticoso e lungo percorso, dove si arriva a comprendere meglio se stessi. Inevitabilmente la ‘singletudine’, rappresenta una grande occasione per guardarsi dentro. Instaurare una relazione autentica con noi stessi è il primo passo per poter iniziare, quando sarà, una nuova storia. Capire cosa vogliamo, dove abbiamo sbagliato in passato e quindi imparare dagli errori precedenti. Ognuno di noi ha tanti nodi e problematiche da sciogliere e questo è un buon momento per farlo.
Attraversare le nostre zone d’ombra, affrontare le nostre ferite è un lavoro personale necessario per aumentare la sicurezza in noi stessi.
Di certo da tanto dolore, ne scaturirà tanta serenità e ne sarà valsa la pena!

[L’articolo completo su Astrella n° 12 – dicembre 2016]

di Elisa Solforano

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: