Astrologia

La Luna di Novembre 2014

By  | 

La Luna – Novembre 2014

a cura dello Studio Helene Kinauer Saltarini

 

IL MESE E LA SUA LUNA

Pubblicità
Cartomanzia Professionale

Luna piena il 6 in Toro – Ultimo quarto il 14 in Leone – Luna nuova il 22 in Sagittario- Primo quarto il 29 in Pesci.

 

LA MAGIA ARABA E LA LUNA DI NASCITA IN SCORPIONE

Per la magia Araba, la Luna di nascita posta da 0° a 8°34’16” dello Scorpione è nella stazione lunare ARCHIL e indica successo nelle occupazioni, è propizia ai viaggi e al farsi una vita lontano dal luogo di nascita, successo in un’occupazione sulle navi. Ma non annuncia un buon matrimonio.

La stazione ALTOB, da 8°34’16” a 21°25’42”, sostiene le aspirazioni ed è valida protezione contro i nemici, di contro è sfavorevole alla famiglia, porta discordie e addirittura capovolgimenti nella posizione. L’ultima stazione dello Scorpione è ALLATHA, da 21°25’42” a 30°, che ispira idee personali, inclina alla caccia al denaro in maturità, ma non è propizia al commercio e ad avere una residenza fissa, porta mutamenti di abitazione.

 

IN NOVEMBRE LA LUNA CONSIGLIA….

In questo mese di pieno autunno, di colori smorzati dalla pioggia e dalla nebbia, sembra quasi che la natura, prima della stasi invernale, ci voglia regalare ancora qualche sprazzo di colore e di luce con un suo fiore particolare: il crisantemo. La Luna amica, quindi, ci consiglia di non pensare questo fiore solo associato alla ricorrenza del 2 novembre, quando si ricordano le persone scomparse per sempre, ma di ricordarsi che la sua storia è millenaria. Ne parlava, infatti, già Confucio nel secolo VI a.C. descrivendone la specie detta “gloria gialla”. Per la sua forma rotonda e i petali disposti a raggio, in Giappone fu chiamato “materializzazione del Sole” e il loro imperatore, il Tenno, ritenuto discendente della dea solare Amaterasu, lo ha assunto come emblema stilizzandolo con 16 petali e a forma della Rosa dei Venti. Pare, inoltre, che il crisantemo abbia il potere di assicurare la longevità, per il taoismo antico era una droga per ottenere l’immortalità. Più materiali, ma tanto gustosi, sono i ceci, già usati in tempi remoti, molto indicati per l’autunno, infatti contengono molte calorie. Un’antica usanza è quella di gustarli bolliti con la carne di maiale per la ricorrenza dei morti.

 

[Leggi l’articolo completo in edicola su Astrella n° 11 – Novembre 2014]

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: